Investimenti: meglio il giusto tempismo o il giusto tempo?

Proportion
Categories: News
Tags:

 309 total views,  1 views today

Negli investimenti è meglio avere il giusto tempismo o il giusto tempo?

Il risparmiatore che si avvia a costruire un percorso d’investimenti, si domanda spesso come indovinare il giusto tempismo nel mercato, quando in realtà è meglio avere il giusto tempo.

Il market timing, infatti, non è nulla a confronto con il time in the market.

Il tempo è il primo contributore al rendimento, molto più del tempismo.

Cosa sarebbe successo se avessimo investito ogni anno, negli ultimi 15 anni, in un portafoglio azionario azionario globale ogni volta nel giorno peggiore possibile (siamo molto sfortunati) ?

Che avremmo valorizzato molto il nostro capitale:

Il tempo vince sul tempismo.

Cercare il giusto tempismo (logica del market timing) sul mercato è un desiderio umano e comprensibile, legato alla nostra emotività (“e se stessi investendo nel momento sbagliato?”) e al nostro lato ludico (azzeccare, indovinare, il momento migliore per comprare soddisfa e gratifica il nostro lato giocoso).

D’altro canto, sul mercato esistono sempre motivi per non comprare, così come esistono sempre motivi per farlo. Parola di John Bogle: “Non conosco nessuno che abbia applicato market timing con successo; non conosco nemmeno nessuno che conosca qualcuno che l’abbia fatto con successo e costanza”.

Quello che sappiamo, invece, è che il tempo è il nostro più grande alleato nel nostro percorso d’investimento:

Nell’ottica dell’investimento di lungo termine, non è importante quando investo (se quindi entro nel momento giusto o sbagliato), ciò che conta è per quanto tempo investo.

Riguardo la logica del market timing, si consiglia anche la lettura del seguente articolo:

https://www.ilconsulenteintelligente.com/investire-nei-giorni-migliori-evitare-quelli-peggiori/
Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *