Investire nei giorni di borsa migliori, ed evitare quelli peggiori. Si può?

Proportion
Categories: News
Tags:

 863 total views,  1 views today

Molti investitori vorrebbero essere investiti nei giorni migliori di Borsa, ed evitare quelli peggiori, così da massimizzare i guadagni. E’ possibile?

In questi giorni di volatilità, causa Corona Virus, molti investitori cominciano a cadere nella trappola del market timing (ci siamo caduti tutti almeno una volta). E’ possibile riuscire ad evitare le giornate peggiori di borsa, per poi rientrare e partecipare ai migliori rialzi?

Domanda lecita.

La risposta è più semplice di quanto si possa pensare.

Questa strategia non è realizzabile, perchè i migliori giorni di borsa sono esattamente attaccati a quelli peggiori, visto che sono due facce della stessa medaglia (che si chiama volatilità).

Lo vediamo bene qui di seguito:

https://theirrelevantinvestor.com/2020/03/02/volatility-will-continue/

Nei giorni quindi di più alta volatilità, le giornate peggiori di borsa si susseguono a quelle migliori. Evitare le prime significa evitare anche le seconde.

https://theirrelevantinvestor.com/2020/03/02/volatility-will-continue/

I due grafici, che fanno riferimento all’andamento dell’indice azionario USA S&P500 ci raccontano quindi una storia molto chiara.

Nella tabella di seguito vediamo infatti come le migliori performance giornaliere dell’indice Dow Jones siano avvenute esattamente, osservando le rispettive date, all’interno di un mercato fortemente volatile (2008, 2020, e i primi anni ’30 della grande depressione):

https://compoundadvisors.com/2020/hope-faith-and-destiny

La stessa Vanguard ci propone uno studio molto interessante, ad evidenziare sempre come i migliori ed i peggiori giorni di Borsa siano uno vicino all’altro.

https://investornews.vanguard/3-mistakes-to-avoid-during-a-market-downturn/

Evitare quindi i peggiori giorni di Borsa, e partecipare ai migliori, non è una strategia attuabile.

Anzi, il rischio è che diventi controproducente per il nostro investimento.

Ecco infatti cos’è successo ad un investimento di 100.000 dollari che è rimasto investito sul mercato (colonna arancione), nonostante due bolle finanziarie (periodo 2000-2019) e cosa sarebbe successo se ci fossimo persi i 10 giorni migliori di Borsa, o i 25 giorni migliori (dati sul mercato azionario S&P500):

Time is your friend, impulse is your enemy (John C. Bogle)

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *