Investire nei REITs

Proportion
Categories: News
Tags:

 420 total views,  1 views today

Investire nei REITs (ovvero Real Estate Investment Trusts) conviene agli investitori? Approfondiamo l’argomento

Parliamo di REITs e vediamo di capire se è utile per gli investitori valutare di investire in questa specifica asset class.

Intanto, cosa intendiamo per REITs?

I REITs sono Real Estate Investment Trusts, ovvero fondi immobiliari quotati in Borsa, che possiedono e gestiscono immobili.

Noti per distribuire solitamente dividendi elevati, l’asset class presenta caratteristiche e peculiarità che hanno portato David Swensen, Chief Investment Officer presso la Yale University, ad inserirla all’interno del proprio modello d’investimento, lo Swensen Portfolio, con un peso del 20% (come suggerito all’interno del suo libro Unconventional Success).

Di seguito un approfondimento sullo Swensen Portfolio:

https://www.ilconsulenteintelligente.com/portfolio-item/swensen-portfolio-yale/

Come si è comportata di recente quest’asset class?

Questo i dati da inizio 2020, aggiornati al 29/05/2020:

Come possiamo vedere, c’è molta dispersione, a livello di rendimenti.

Di certo, non è stato un anno facile questo per i REIT. Lo si evince anche da questo studio pubblicato da Callan, che mostra tuttavia come i rendimenti storici siano decisamente interessanti:

https://www.callan.com/1q20-real-estate/

Lo studio conferma anche il grado di dispersione all’interno dell’asset class (USA):

  • 1° Trimestre 2020
https://www.callan.com/1q20-real-estate/
  • 2° Trimestre 2020 (in questo caso la correzione è più omogenea)
https://www.callan.com/2q20-rar-post/

Il settore, come vediamo, ha sofferto particolarmente la pandemia scatenata dal CoronaVirus.

I REITs statunitensi hanno tuttavia avuto modo di recuperare parte delle perdite accumulate, nel corso di questo 2020. Se infatti, l’indice FSTE Nareit All Equity REITs registrava un -23,4%, da gennaio 2020 al 20 marzo, la perdita si è ridotta al -12,3%, al 20 settembre.

https://www.allaboutalpha.com/blog/2020/11/01/assessing-the-impact-of-covid-19-across-real-estate-sectors/

Resta, come già abbiamo visto, il grado di dispersione all’interno del settore immobiliare. Ad esempio, la parte industriale ha registrato una forte ripresa, seguita da quella residenziale; uffici e Hotel, dall’altra parte, hanno continuato ad arrancare:

https://www.allaboutalpha.com/blog/2020/11/01/assessing-the-impact-of-covid-19-across-real-estate-sectors/

Questa discrepanza deriva dal fatto che i vari settori che compongono l’asset immobiliare hanno una diversa sensibilità al ciclo economico. Lo vediamo meglio nella tabella di seguito:

https://www.allaboutalpha.com/blog/2020/11/01/assessing-the-impact-of-covid-19-across-real-estate-sectors/

E’ sempre bene ricordare, quindi, l’ampio spettro in cui si investe quando si considera quest’asset d’investimento:

https://www.allaboutalpha.com/blog/2020/11/01/assessing-the-impact-of-covid-19-across-real-estate-sectors/

Quindi, alla luce del profilo rischio/rendimento, e della volatilità caratteristica di quest’asset, è importante inquadrarla in un’ottica di lungo termine, e all’interno di un piano già ben diversificato. Il valore che è in grado di offrire, alla luce anche della natura alternativa dell’investimento, e dei rendimenti “evaporati” a livello globale, causa intervento massiccio delle Banche Centrali, è importante, anche in ottica di un maggior grado di diversificazione che i REITs sanno offrire all’interno di una pianificazione d’investimento.

Interessante valutare veicoli come ad esempio gli ETF, che permettono di investire indirettamente in REITs. L’offerta, in questo senso, è ad oggi piuttosto ampia.

Come sempre, prima di investire, è importante valutare il proprio profilo rischio/rendimento, orizzonte temporale, obiettivo, e dosare gli “ingredienti” per il giusto peso.

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *