Italia, a che punto siamo?

Proportion
Categories: News
Tags:

 464 total views,  1 views today

Com’è messo il nostro paese a livello economico e di investimenti? Scopriamo insieme a punto siamo in Italia.

L’ Italia è il nostro paese, e ci lega quindi per tanti aspetti, è giusto quindi fare un quadro della situazione per capire a che punto siamo.

Il primo dato che abbiamo a disposizione è questo, ed è poco incoraggiante.

Siamo il paese con la peggior crescita economica in Europa; se sarà confermato il trend di rallentamento in corso, l’ Italia non avrà mostrato segni di crescita dalla nascita dell’ Eurozona.

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1286193411691819012/photo/1
https://twitter.com/Luca_Gualtieri1/status/1291606249960865797/photo/1

Lo vediamo anche da qui. Ecco in un colpo d’occhio 20 anni di PIL pro capite in Europa. L’Italia è in fondo alla classifica.

https://twitter.com/Luca_Gualtieri1/status/1288429573944811525

Il dato si riflette anche sul peso dell’ Italia sul PIL Europeo. Un grafico vale più di 1.000 parole:

https://twitter.com/Luca_Gualtieri1/status/1289113322579800064

Questo invece il confronto fra PIL italiano e quello Europeo:

https://twitter.com/Luca_Gualtieri1/status/1289184134846267393/photo/1

L’unica cosa ad essere cresciuta, in misura importante, pare essere stato il nostro debito pubblico.

Questo è l’ammontare del debito pubblico dell’ Italia, che continua a toccare nuovi massimi:

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1283644599924338688

Questo di seguito invece è il debito pubblico rapportato al PIL, ovvero al Prodotto Interno Lordo italiano:

La bassa crescita, e l’alto debito accumulato, si riflette sull’andamento della Borsa italiana, il FTSE Mib. Ecco l’andamento dell’indice azionario italiano (dividendi esclusi), dall’introduzione dell’ Euro. Una perdita di valore pari al 46%:

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1286556603249033216/photo/1

Questo invece l’andamento dell’indice azionario italiano (linea bianca) a confronto con l’indice Dax tedesco (linea gialla) ed il Dow Jones americano (linea verde):

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1286555123586662402

Il grafico lascia senza parole. Addirittura il solo titolo Facebook è arrivato a capitalizzare più dell’intera borsa italiana:

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1285076468070932481/photo/1

Spostiamoci ora sulla parte obbligazionaria. Il grafico che segue ci mostra l’evoluzione del rendimento del Btp, il titolo di Stato italiano, a 10 anni:

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1285459228971487232/photo/1

Il rendimento è sceso in questo arco temporale grazie al sostegno della Banca Centrale Europea, ed alle sue politiche monetarie espansive, che quindi hanno supportato i nostri titoli di Stato. L’Italia infatti è stata fra i maggiori beneficiari dell’intervento della BCE, come vediamo nel grafico:

https://twitter.com/Luca_Gualtieri1/status/1290910667814383616/photo/1

Se osserviamo il contesto immobiliare, ne emerge un quadro anche qui poco felice:

https://twitter.com/Schuldensuehner/status/1285831314881609728/photo/1

I prezzi delle case in Italia (linea bianca) sono crollati negli ultimi anni, evidenziando un calo del 18% dai livelli del 2011. Il paragone con gli altri pesi Europei sottolinea le difficoltà del mattone in Italia, che ha sofferto molto più di Spagna e Portogallo, ad esempio.

Un altro dato poco confortante, per la nostra crescita economica futura, riguarda l’invecchiamento della popolazione:

Questo trend demografico riguarda comunque tutto il mondo, e sta mettendo in forte discussione quello che è il sistema previdenziale pubblico.

Per quanto riguarda invece il CoronaVirus? Qual’è l’impatto sul nostro paese?

Il secondo trimestre del 2020 ha evidenziato un calo senza precedenti sul nostro Prodotto Interno Lordo, secondo i dati Istat:

https://www.milanofinanza.it/news/istat-il-pil-italiano-12-4-in-calo-senza-precedenti-ma-meno-dei-timori-202007311056215077

Il PIL italiano registra un calo del 21% dai massimi del 2008, per tornare indietro a livelli che non si vedevano dal 1993. 27 anni fa.

https://twitter.com/fwred/status/1289113986055712769/photo/1

Per l’Italia, il 2020 rischia di essere il quarto anno peggiore degli ultimi 150 anni:

https://twitter.com/MBigliardi83/status/1289877354857164805

C’è tanto lavoro da fare quindi, a livello economico, politico e sociale.

Speriamo bene.

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *