Meglio il Market Timing o il Time in The Market?

Proportion
Categories: News
Tags:

 857 total views,  1 views today

Negli investimenti funziona meglio il Market Timing, o il Time in The Market?

Cosa funziona meglio, quando investiamo sul mercato, il Market Timing o il Time in the Market?

Ovvero, meglio cercare il giusto tempismo sul mercato, o dare agli investimenti il giusto tempo per poter lavorare?

Per arrivare alla risposta, partiamo da questo semplice caso. Cosa sarebbe successo se avessimo investito ogni anno, nel corso degli ultimi 15 anni, in un portafoglio azionario globale, investendo puntualmente nel giorno peggiore possibile (sì, siamo molto sfortunati) ?

Un 7,8% annuo è un discreto rendimento per un investitore parecchio sfortunato. Il tempo ha vinto quindi sul tempismo, dimostrandosi come il primo contributore per le performance di portafoglio.

Cercare il giusto timing sul mercato resta un desiderio certamente umano e comprensibile, legato tanto al nostro lato emotivo quanto a quello ludico, ma a conti fatti inapplicabile.

E’ lo stesso William Sharpe, premio Nobel per l’Economia, a dirci che chi opera facendo market timing deve muoversi correttamente mediamente l’ 82% delle volte per pareggiare i rendimenti di una strategia Buy & Hold (compra e mantieni nel tempo).

https://www.cnbc.com/2018/04/18/trying-to-time-the-market-is-a-losing-game.html

E’ un sacco di lavoro da fare per raggiungere ciò che può essere ottenuto schiacciando un pisolino” – Christopher H. Browne.

Certo, accettare l’imprevedibilità dei mercati, e che non agire sia meglio che agire (pensiero contro-intuitivo per la nostra mente) non è facile, tuttavia, se diamo tempo al tempo, come evidenziato nella seguente tabella, condivisa da Morgan Housel (che ripercorre lo storico del mercato azionario nel periodo 1781-2012), possiamo ottenere i giusti risultati sul nostro piano d’investimento:

L’alternativa, ovvero il rincorrere i giusti prezzi di volta in volta, è spesso inefficiente; piuttosto che saltare dentro e fuori dal mercato, come un canguro, meglio quindi tenere la rotta, lentamente, come una tartaruga.

A riguardo si espresse anche lo stesso John Bogle: “Non conosco nessuno che abbia fatto market timing con successo; non conosco nemmeno nessuno che conosca qualcuno che l’abbia fatto con successo e costanza“.

Ecco quindi che il tempo diventa il nostro più grande alleato quando investiamo:

https://twitter.com/RyanDetrick/status/1397304517931278337/photo/1

Nell’ottica dell’investimento di lungo termine, non è quindi importante tanto quando investo (se quindi entro nel momento giusto o sbagliato), ma piuttosto per quanto tempo investo.

“Sul mercato abbiamo un’alternativa. Non fare nulla. Sono state costruite più fortune restando seduti su buoni investimenti per anni, piuttosto che negoziando in modo attivo” – Warren Buffet

Riguardo la logica del market timing, si consiglia anche la lettura del seguente articolo:

Solo i bugiardi sono sempre fuori (dal mercato) nei periodi negativi e dentro nei periodi positivi” Bernard Baruch.

Ultimo aggiornamento: 02/09/2021

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *