Previsioni di mercato 2021

Proportion
Categories: News
Tags:

 531 total views,  1 views today

Uno sguardo alle previsioni di questo 2021 sui futuri ritorni di mercato

Quali sono le previsioni e le aspettative sui ritorni di mercato, per questo 2021 e per il prossimo futuro?

Partiamo osservando quelle che sono le previsioni, condivise da Bloomberg, sulla crescita economica mondiale, da qui al 2026.

https://twitter.com/business/status/1379696462930587650/photo/1

Impressionante il contributo della Cina allo sviluppo economico futuro.

Ora, come possiamo tradurre tutto questo a livello finanziario?

Qui ci viene in aiuto la società di ricerca eVestment, che ha condiviso un report riepilogativo delle aspettative sui ritorni futuri di mercato; il primo dato che emerge è un ridimensionamento, ovvero una riduzione, dei rendimenti attesi, in calo quindi rispetto alla serie storica, a causa, in particolar modo, del contesto che vede i tassi d’interesse viaggiare sui minimi storici. Dall’altra parte, a fronte di minori rendimenti attesi, ci si aspetta un incremento della volatiltà.

https://www.institutionalinvestor.com/article/b1r474r39c97y6/Consultants-Are-Predicting-Lower-Returns-Again

Chiaramente, parliamo di ipotesi, seppur condivisibili.

La stessa Callan, istituto che si occupa di ricerca nel campo degli investimenti, ha pubblicato da poco le prospettive di rendimento per il periodo 2021-2030, per le diverse asset di mercato.

Certo, l’esercizio previsionale, fatto in un ambiente economico incerto per definizione e soggetto a mille variabili, è complicato, e produce mere ipotesi, che tendono ad essere poi riviste e integrate strada facendo. Comunque, queste le previsioni secondo Callan:

https://www.callan.com/callan/blog-archive/2021-capital-markets-assumptions/
https://www.callan.com/callan/blog-archive/2021-capital-markets-assumptions/
https://www.callan.com/callan/blog-archive/2021-capital-markets-assumptions/
https://www.callan.com/callan/blog-archive/2021-capital-markets-assumptions/

Il rendimento atteso sulla componente obbligazionaria è stato quindi abbassato, in virtù del livello storicamente basso toccato dai tassi d’interesse, che favorisce di conseguenza l’asset azionaria come fonte di rendimento per il prossimo futuro.

Detto questo, come sempre, è importante costruire e definire la propria asset allocation di portafoglio non sulla base di view e teorie previsionali, bensì su solide fondamenta come evidenze empiriche, profilo rischio/rendimento personale, orizzonte temporale e obiettivo d’investimento.

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *