Golden Butterfly

Proportion

Il portafoglio modello Golden Butterfly, così come descritto sul sito Portfolio Charts, si basa sulle logiche del Permanent Portfolio, ed esprime un profilo rischio/rendimento molto interessante. Il punto forte di questa allocazione è certamente il controllo del rischio e della volatilità dell’investimento.

Questa l’allocazione del portafoglio:

  • 20% Azionario
  • 20% Azionario Small Cap
  • 20% Obbligazionario Lungo Termine
  • 20% Obbligazionario Breve Termine
  • 20% Oro

Questi i rendimenti storici ottenuti dal Golden Butterfly sul mercato USA (rendimenti annui, in termini reali, quindi al netto dell’inflazione, conseguiti su di un arco temporale d’investimento di 10 anni), ripresi da Portfolio Charts:

portfoliocharts.com/portfolio/golden-butterfly/

Il modello viaggia quindi ad un rendimento medio annuo composto, reale (netto inflazione), del 6%, con un controllo del rischio e della volatilità decisamente impressionante.

Osserviamo infatti come si sono comportati i vari modelli nel corso del 2008:

portfoliocharts.com/2019/08/20/the-top-4-portfolios-to-recession-proof-your-investments

Il Golden Butterfly, nonostante un’allocazione azionaria del 40%, ha saputo contenere moltissimo le perdite registrate nel corso del 2008, che ci ricordiamo tutti essere stato un anno molto negativo.

Il modello funziona secondo semplici regole di diversificazione e decorrelazione.

L’ azionario lavora come asset mirato ad acquisire valore da un ciclo economico di crescita.

L’obbligazionario e l’oro sono inseriti nell’ottica di difendere il portafoglio da scenari di recessione economica (l’oro acquista valore anche in funzione di uno scenario inflattivo, mentre l’obbligazionario lungo termine in uno scenario deflattivo).

Semplice, ma funzionale.

Questo il confronto storico, dal 1970 al 2015, fra i modelli Golden Butterfly, Permanent Portfolio, All-Weather, ed il classico 60/40:

https://allocatesmartly.com/portfoliocharts-golden-butterfly

Il Golden Butterfly mostra un percorso certamente interessante.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *