I “Magnifici 7”

Proportion
Categories: News
Tags:

Loading

Un approfondimento sui “Magnifici 7” del comparto tecnologico Americano

E’ ormai noto come i “Magnifici 7” stiano ultimamente guidando le performance del mercato azionario americano. Amazon, Apple, Microsoft, Google, Tesla, NVIDIA e Facebook arrivano infatti da un 2023 particolarmente sorprendente (dopo un 2022 invece nettamente negativo), e in questo avvio di 2024 il trend favorevole non sembra arrestarsi.

Queste ad esempio le recenti performance di 5, dei Magnifici 7:

https://www.morningstar.it/it/news/245668/i-magnifici-sette-tutto-sulle-trimestrali-del-settore-tecnologico-statunitense.aspx

Il contributo di questi pochi titoli, alle performance dei principali indici azionari americani a capitalizzazione, è stato particolarmente rilevante quindi, a discapito della componente “Equal Weighted”, penalizzata dalla maggior distribuzione e diversificazione a livello di titoli e relativi pesi, all’interno dell’indice.

Da questo grafico possiamo infatti evincere chiaramente quanto sia stato importante l’apporto offerto da questi titoli alla salita dell’indice S&P500:

https://twitter.com/bespokeinvest/status/1779261441700184171/photo/1

Addirittura, in questo avvio d’anno, le performance dell’indice S&P500 sono da attribuirsi principalmente ad un numero ancora più ristretto di azioni, parte sempre della famiglia dei “Magnifici 7”:

https://www.marketwatch.com/livecoverage/stock-market-today-s-p-500-futures-inch-higher-as-ai-frenzy-continues/card/-magnificent-7-acting-more-like-magnificent-4-in-early-2024-zVAkRWLZy8issuPp7KMm?mod=home-page

Il recente entusiasmo circa questi MegaCap Tecnologici è da imputarsi principalmente alla variabile “Intelligenza Artificiale”, che sta dominando lo storytelling attuale, e attirando quindi interesse ed investitori.

Fatto sta che certamente il peso attuale riconosciuto a questi pochi titoli, all’interno dei principali indici azionari a capitalizzazione americani, e globali, in virtù del loro recente rally, induce a valutare e attuare una maggior diversificazione all’interno dei portafogli, considerando anche che nessuno sa quanto ancora questa corsa sia sostenibile nel tempo.

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *