Investire in Cina

Proportion
Categories: News
Tags:

 766 total views,  7 views today

Investire in Cina ha una sua logica, all’interno di un portafoglio ben diversificato? Approfondiamo insieme l’argomento

E’ corretto investire in Cina, all’interno di una logica di diversificazione di portafoglio?

Il tema è tornato decisamente attuale in questo periodo, soprattutto alla luce del recente drawdown che ha colpito il mercato azionario cinese:

https://twitter.com/jsblokland/status/1428597302621573126/photo/1

Il calo ha riguardato soprattutto la componente tecnologica cinese, colpita da una maggior regolamentazione introdotta dall’autorità governativa:

https://twitter.com/charliebilello/status/1428708847972192268/photo/1

Tuttavia, la recente sottoperformance quindi, rispetto all’azionario USA, non è in realtà nulla di nuovo, e riprende il tema stesso della ciclicità dei mercati. Mentre infatti nel periodo 2001-2007, la Cina ha sovraperformato la controparte americana, dal 2007 ad oggi, il trend si è poi invertito:

https://compoundadvisors.com/2021/8-to-80-monthly-update-july-2021

La recente inversione, e relativa sottoperformance rispetto al mercato USA, è stata così marcata, da portare l’azionario Cina, in termini relativi rispetto al mercato americano, su livelli minimi:

https://twitter.com/jsblokland/status/1428366919149658126/photo/1

Di fatto, la sovraperformance del mercato USA nei confronti di quello asiatico segna il passo già dal 2010 (mentre nella decade precedente l’Asia ha saputo fare meglio):

https://twitter.com/TihoBrkan/status/1430528190028652549/photo/1

E gli investitori, come si sono mossi in questo scenario? Interessante osservare come i retail abbiano di fatto acquistato azionario Cina, nel corso di questa correzione:

https://twitter.com/TihoBrkan/status/1437393487268392964/photo/1

Cosa accadrà ora?

Difficile come sempre lavorare in chiave previsionale, per quanto il recente sell-off sembra assumere ora dimensioni esasperate, sull’onda del panic-selling, e probabilmente dello stesso short-selling operato dagli Hedge Funds.

Certamente, ragionando sui dati economici, il tema Cina resta un tema chiave in ottica di lungo periodo, visto che parliamo di una paese comunque in forte crescita, e dalle prospettive quindi certamente positive. Per capirci:

https://twitter.com/ValaAfshar/status/1422885044440473601/photo/1

Dall’altra è importante però considerare anche che sussistono rischi difficilmente quantificabili, come ad esempio quello regolamentare, impliciti in un investimento sulla Borsa cinese.

Fanno riflettere queste dichiarazioni da parte di Niall Coffey, di Avoca Global Advisors, che evidenziano come ai gestori non sia permesso esprimere giudizi negativi in merito alla stessa Cina: “‘We’re not allowed to comment negatively on anything about China.’ They can’t comment on LinkedIn; some are afraid to even ‘like’ the paper.”

https://www.institutionalinvestor.com/article/b1n985ljmgzljj/We-re-Not-Allowed-to-Comment-Negatively-on-Anything-About-China

Illuminante, a tal proposito, l’ultimo articolo di Jeff Sommer in questo articolo del New York Times: “Invest in China, but without Illusions“:

Quindi, certamente la Cina merita un suo posto all’interno di una logica di diversificazione di portafoglio, come consiglia lo stesso Ray Dalio:

https://seekingalpha.com/news/3722877-ray-dalio-says-china-should-remain-a-part-of-portfolios

As for investing, as I see it the American and Chinese systems and markets both have opportunities and risks and are likely to compete with each other and diversify each other,” Dalio concludes. “Hence they both should be considered as important parts of one’s portfolio.”

Occhio però a non fare scommesse unilaterali, o assumere concentrazioni eccessive di rischio, quando parliamo in Cina, inseguendo convinzioni e credenze. Il rischio è poi quello di farsi male.

Ultimo aggiornamento: 14/09/2021

Condividi su:

Post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *